Posts contrassegnato dai tag ‘rock’

!!!ENGLISH!!!

Con la canzone di oggi, per iniziare la settimana in allegria, facciamo un bel viaggio negli anni del Rock’n’Roll. Con le parole di Bernie Taupin, autore di quasi tutti i suoi testi, Sir Elton John celebra quegli anni con questa canzone coinvolgente e un po’ nostalgica, che diventerà uno dei suoi classici. Fu pubblicata come singolo alla fine del 1972 e nell’album Don’t Shoot Me I’m Only The Piano Player nel gennaio del 1973.

Nel testo viene citata la storica Rock Around The Clock, mentre il famoso vocalizzo in falsetto ricorda quello di Speedy Gonzales. Tutta per voi, e buona settimana!

Lyrics

I remember when rock was young
Me and Suzie had so much fun
holding hands and skimming stones
Had an old gold Chevy and a place of my own
But the biggest kick I ever got
was doing a thing called the Crocodile Rock
While the other kids were Rocking Round the Clock
we were hopping and bopping to the Crocodile Rock
Well Crocodile Rocking is something shocking
when your feet just can’t keep still
I never knew me a better time and I guess I never will
Oh Lawdy mama those Friday nights
when Suzie wore her dresses tight
and the Crocodile Rocking was out of sight
But the years went by and the rock just died
Suzie went and left us for some foreign guy
Long nights crying by the record machine
dreaming of my Chevy and my old blue jeans
But they’ll never kill the thrills we’ve got
burning up to the Crocodile Rock
Learning fast as the weeks went past
we really thought the Crocodile Rock would last

!!!ENGLISH!!!

Sappiamo che lo spirito del nostro blog è quello di scegliere la canzone del giorno in base a stati d’animo, ricordi, piccoli avvenimenti quotidiani, insomma, qualsiasi input può essere valido. Bene, l’idea di proporre Joyride nasce da un ragionamento molto semplice: si sono rotte le doghe del mio letto. Il mio letto, così come i mobili dell’appartamento, è stato acquistato dal padrone di casa presso una nota società svedese. Questa notte dormirò scomodamente a causa degli svedesi. Ma per fortuna c’è la musica.

Per Gessle e Marie Fredriksson formano il duo Roxette nel 1986 e riscuotono un notevole successo in molti Paesi grazie al loro pop rock piacevole e leggero, nonché alla bella voce di Marie. Joyride è il titolo del singolo che propongo oggi e anche del loro terzo album, del 1991. Di certo i loro testi non sono mai troppo seri, ma per me questo duo è sempre stato irresistibilmente simpatico. Nel 2002 Marie ha un tumore al cervello che riesce a superare subendo però danni fisici e cognitivi; nonostante tutto, oggi è ancora in giro a cantare. Le doghe del mio letto non sono un problema così grave in fondo.

Lyrics

I hit the road out of nowhere
I had to jump in my car
And be a rider in a love game
Following the stars
Don’t need no book of wisdom
I get no money talk at all

She has a train going downtown
She’s got a club on the moon
And she’s telling all her secrets
In a wonderful balloon

She’s the heart of the funfair
She’s got me whistling her private tune

And it all begins where it ends
And she’s all mine, my magic friend

She says: Hello, you fool, I love you
Come on join the joyride
Join the joyride

She’s a flower, I can paint her
She’s a child of the sun
We’re a part of this together
Could never turn around and run
Don’t need no fortune teller
To know where my lucky love belongs,
Oh no

Cause it all begins again when it ends
And we’re all magic friends

She says: Hello, you fool, I love you
Come on join the joyride
Join the joyride

Be a joyrider

I take you on a skyride
A feeling like you’re spellbound
The sunshine is a lady
Who ROX you like a baby

She says: Hello, you fool, I love you
Come on join the joyride
Join the joyride

!!!ENGLISH!!!

Permission to Land è il primo album dei The Darkness, band hard and heavy britannica, con influenze da parte di molti gruppi hard rock/heavy metal degli anni ’70 quali Led Zeppelin, gli AC/DC, i Def Leppard, i Judas Priest, ecc.

La canzone di oggi è stata il terzo singolo estratto da questo album, che ha debuttato al primo posto nella classifica britannica, ed è forse il pezzo più famoso di questa band. Canzone che cattura l’attenzione dalla prima all’ultima nota, come tutti i loro lavori, apprezzabili musicalmente e anche per il forte grado di autoironia che li caratterizza.

Al momento la band è in tour nel Regno Unito e pare che stiano lavorando al loro terzo album.

Testo I Believe In A Thing Called Love – The Darkness

Can’t explain all the feelings that you’re making me feel
My heart’s in over drive and you’re behind the steering wheel
Touching you, touching me, touching you cause you’re touching me
I believe in a thing called love, just listen to the rhythm of my heart
There’s a chance we can make it now
We’ll be lookin till the sun goes down
I believe in a thing called love
Ooooooh (huh!)

I wanna kiss you every minute every hour everyday
You got me in a spin but everything is a ok

Touching you, touching me
Touching you cause you’re touching me
I believe in a thing called love, just listen to the rhythm of my heart
There’s a chance we can make it now
We’ll be lookin till the sun goes down
I believe in a thing called love

!!!ENGLISH!!!

I Vampire Weekend hanno acquisito notorietà attraverso diversi blog, in particolare Stereogum, e il pezzo di oggi ha raggiunto la 67ª posizione nella classifica delle migliori 100 canzoni dell’anno per la rivista Rolling Stone nel 2007.

A poco più di vent’anni, questi quattro ragazzi incontratisi  mentre frequentavano la Columbia University sembrano avere trovato la formula giusta per far parlare di sé in tutti gli ambiti indie di rilievo. Nel marzo 2008 sono dichiarati “miglior nuova band dell’anno” dalla rivista Spin e sono l’unica band ad apparire nella copertina del magazine ancor prima di pubblicare il proprio album di debutto.

Ma cosa ci propongono? Un misto di sapori afrobeat, frenesie indie e melodie catchy, nati nelle loro camerette del college.

Testo Cape Cod Kwassa Kwassa – Vampire Weekend

As a young girl
Louis Vuitton
With your mother
On a sandy lawn

As a sophomore
With reggaeton
And the linens
You’re sitting on

Is your bed made?
Is your sweater on?
Do you want to
Like you know I do

But this feels so unnatural
Peter Gabriel too

Can you stay up
To see the dawn
In the colors
Of Bennetton?

Is your bed made
Is your sweater on
Do you want to
Like you know I do

But this feels so unnatural
Peter Gabriel too

Is your bed made
Is your sweater on
Do you want to
Like you know I do

!!!ENGLISH!!!

Una grande canzone di notevole atmosfera  e bellissime parole, sullo stile della più famosa Aerials, ovviamente senza replicarne la maestosità.

Mezmerize, l’album da cui è tratto il pezzo di oggi, non sarà il miglior lavoro dei System Of A Down, ma sicuramente si tratta di un disco musicalmente completo e godibile. Con una partenza violenta, i primi sei brani fanno emergere una rinnovata aggressività musicale. Question! è una ballata dal respiro epico, che offre la miglior prova tecnica di tutti e quattro i componenti del gruppo.

I System of a Down sono riusciti a rinnovare il metal rendendolo ascoltabile anche al di fuori dei confini dei fan e del genere.

Testo Question! – System Of A Down

Sweet berries ready for two ghosts are no different than you.
Ghosts are now waiting for you.
Are you…
Sweet berries ready for two ghosts are no different than you.
Ghosts are now waiting for you.
Are you…
Dreaming! Dreaming the night! Dreaming all right!

Do we! Do we know, when we FLY?
When we, when we go
Do we die?

Sweet berries ready for two ghosts are no different than you.
Ghosts are now waiting for you.
Are you…
Sweet berries ready for two ghosts are no different than you.
Ghosts are now waiting for you.
Are you…
Dreaming! Dreaming the night! Dreaming all right!

Do we! Do we know, when we FLY?
When we, when we go
Do we die

LALALALALALLALAALALALALALAALALALALA

Do we, do we know
When we fly
When we, when we go
Do we die